La belle verte » Rovere meridionale
Crea sito
Set
09
2009

COMMENTI 0 »

RSS feed   |   Articolo

Leave a comment

*

Rovere meridionale

Nel rivedere le fotografie delle escursioni del mese scorso, mi sono imbattuto in un albero molto particolare. Si tratta della rovere meridionale (Quercus petraea ssp.austrotyrrhenica, precedentemente chiamata Quercus dalechampii). E’ una quercia diffusa nel sud Italia, diffusa in Sicilia settentrionale e Calabria meridionale, ma rinvenuta anche in Basilicata ed in Puglia (in Salento). È pure segnalata come spontanea in alcune aree del nord a clima particolarmente mite, come i Colli Euganei e le zone prossime ai grandi laghi alpini.
La sua tassonomia è ancora oggetto di discussione. Da taluni ricercatori è ritenuta una specie (o una sottospecie) affine alla rovere (Quercus petraea) – la quercia per eccellenza -, con la quale condivide molte caratteristiche morfologiche. Altri la ritengono appartenente invece al gruppo della roverella (Quercus pubescens); a questo proposito va comunque specificato che le varie specie di querce, quando i rispettivi areali si sovrappongono, tendono spontaneamente ad ibridarsi per cui il rinvenimento delle specie in purezza, e quindi il riconoscimento, risulta assai difficile anche per i più esperti.
La si rinviene nei boschi misti di caducifoglie della fascia collinare, dal livello del mare fino a circa 1000 metri di altitudine, e predilige
siti impervi e rocciosi, umidi, ben drenati, sciolti e freschi.
Può raggiungere dimensioni considerevoli ed età di alcuni secoli. Si distingue perché è imponente (arriva fino a 30 metri) e vive solitamente isolata. Le foglie sono di colore verde scuro, a lobi smussati, con una base a cuneo e picciolo non molto lungo. Le ghiande sono sessili e rivestite di una cupola scura.
la corteccia, spesso ricoperta da muschi, presenta colori “pastello” che vanno dal grigio chiaro al rosa.
Riporto in basso la descrizione di Orazio Gavioli, illustre botanico lucano, riportata nei suoi studi condotti sulla vegetazione dell’Appennino meridionale.



 

Grazie a loro, ho scritto:

 

http://www.seguilsentiero.it/

“Alberi della Basilicata” (www.consiglio.basilicata.it/pubblicazioni/alberi/alberi-01.pdf)

“Scritti Botanici”. Orazio Gavioli.

COMMENTI 0   |   Scritto da Horty in:  Senza categoria |