La belle verte » I cambiamenti climatici alla portata di tutti
Crea sito
Ago
24
2017

COMMENTI 0 »

RSS feed   |   Articolo

Leave a comment

*

I cambiamenti climatici alla portata di tutti

 

“La scarsità dell’acqua dovrebbe intensificarsi a causa dei cambiamenti climatici”. Esempio di un’immagine che descrive l’impatto sul ciclo dell’acqua dei cambiamenti climatici. FAO (2016) http://www.fao.org/3/a-i6344e.pdf

 

Stai pensando a come comunicare con gli agricoltori e le comunità rurali sui cambiamenti climatici? Quando si tratta di cambiamenti climatici, gli agenti di consulenza rurale hanno spesso una comprensione del contesto locale, della vulnerabilità delle comunità, della capacità di adattamento e stato di sicurezza alimentare delle parti interessate a cui si rivolgono. Tuttavia, può essere difficile spiegare agli agricoltori quali tipi di cambiamenti si possono prevedere nel breve e lungo termine, e come potrebbero essere meglio preparati per affrontare gli effetti dei cambiamenti climatici.
Questo articolo, frutto di mesi di spunti, idee personali, ricerche sull’argomento e link salvati, cerca di fornire suggerimenti e esempi di come gli agenti di consulenza rurale – ma anche i ricercatori con competenze sull’argomento – possano discutere sui cambiamenti climatici con i piccoli agricoltori in termini di metodi partecipativi e usando linguaggio appropriato, anche con l’apporto di materiali audio-visivi. Lo stile dell’articolo è volutamente schematico, proprio perché nato da appunti sparsi e disordinati. Credo sia praticamente impossibile sviscerare tutte le implicazioni e gli efeftti dei cambiamenti climatici, per cui il linguaggio dell’articolo è il più semplice possibile e ho dato priorità ai documenti più interessanti, che si potranno liberamente consultare cliccando sui link.

 

Messaggi chiave sulla comunicazione con gli agricoltori sui cambiamenti climatici

  1. Chiedere ai piccoli agricoltori come vedono e sperimentano i cambiamenti nel tempo a lungo termine.
  2. Chiarire insieme i cambiamenti climatici.
  3. Adattare i mezzi per comunicare a gruppi all’interno della comunità agricola.

 

Foto: l’educatore sta impegnando un gruppo di agricoltori in un giardino alimentare e nutrizionale pilota per sostenere l’uso di una tecnologia intelligente per il clima: la conservazione dell’acqua mediante l’irrigazione a goccia. Novembre 2016, Swaziland. © FAO / Believe Nyakudjara / FAO.

 

Fase 1: Approcci partecipativi: chiedere prima agli agricoltori

Provare a catturare informazioni sul contesto locale poiché le risposte devono essere adeguate ai problemi specifici relativi al luogo dove vivono e operano gli agricoltori: integrare ciò che gli agricoltori dicono con altre fonti di informazioni, ad esempio ricerca attraverso esercizi partecipativi.

Esempi di domande:
1) Cosa è cambiato nel tempo e nel clima negli ultimi anni?
2) Qual è stato l’impatto di questi cambiamenti su diversi membri della comunità e sul loro ambiente?

 

Risultato dell’esercizio di mappatura partecipativa dei sistemi alimentari integrati della comunità. Gender and climate change research in agriculture and food security for rural development. Training guide. http://www.fao.org/3/a-i3385e.pdf

 

Perché gli esercizi partecipativi? Utilizzo delle domande guida

Perché fare questo? Quando si parla di cambiamenti climatici con i piccoli agricoltori, è fondamentale adottare un approccio partecipativo che tenga conto di diversi gruppi di soggetti interessati (ad esempio agricoltori di sesso femminile e familiari, i giovani, ecc.).
Gli agricoltori sono gli esperti di ciò che funziona in pratica, e quindi se loro sono coinvolti negli scambi (anziché dire loro cosa funziona) allora gli agenti di consulenza rurale otterranno con più probabilità un impegno e un cambiamento comportamentale da parte degli agricoltori.
Chiedi agli agricoltori cosa ne pensano su questi argomenti:

• Quali cambiamenti hai notato nel tempo, nell’acqua, nelle piante e negli animali negli ultimi anni?
• Che cosa comincia ad essere diverso da quello che era, ad esempio, 10 anni fa?
• In che modo i cambiamenti climatici influenza il tuo modo di vivere?
• In che modo la tua famiglia è colpita da queste modifiche? Come avviene ai vicini e alle famiglie in altre regioni? Ci sono alcune persone o gruppi che sono più colpiti? Perché?
• Considerare ad esempio: genere, etnia, età, occupazione.
• Come i diversi gruppi affrontano i cambiamenti e gli impatti? Sembra che i modi di affrontare siano adeguati e portino vantaggi?

Il diagramma chiarisce il flusso e i collegamenti di approcci partecipativi nel processo di lavoro con la comunità.

 

Fonte: Peter Dorward, Graham Clarkson, Roger Sterm, Participatory Integrated Climate Services for Agriculture – PICSA, CCAFS, 2016

 

Fonti per approcci partecipativi

Approcci di adattamento basati sulla comunità:
http://pubs.iied.org/pdfs/14573IIED.pdf
Approcci partecipativi nei settori agricoli interessati dai cambiamenti climatici
• Training guide:
http://www.fao.org/docrep/015/md280e/md280e.pdf

• Cassetta degli strumenti (toolbox):
https://ccafs.cgiar.org/publications/gender-and-inclusion-toolbox-participatory-research-climate-change-and-agriculture#.WV-l_YSGNyw

• Approccio partecipativo per valutare la vulnerabilità con un caso di studio
https://www.die-gdi.de/en/studies/article/assessing-vulnerability-to-climate-variability-and-change-participatory-assessment-approach-and-kenyan-case-study
http://lib.icimod.org/record/26933/files/c_attachment_747_5971.pdf

 

Informare sui rischi aumentati e sugli impatti a lungo termine dei cambiamenti climatici

Sostenere gli agricoltori nel valutare i rischi di utilizzare specie specifiche e prendere decisioni informate.

 

Fase 2: Connettere l’esperienza con i cambiamenti climatici

Perché? La fase in cui si crea una comprensione condivisa del problema in questione, delle sue cause e degli impatti attesi, costituisce la base per un processo decisionale e per ulteriori azioni.
Domande principali per la discussione
• In che modo gli impatti che notiamo qui sono legati a cambiamenti più ampi nella regione, nel paese, a livello globale?
• Che cos’è i cambiamenti climatici? Quali sono i cambiamenti del clima globale?
• Quali sono i suoi effetti attesi sui settori dell’agricoltura, tra cui le colture, il bestiame, la silvicoltura, la pesca e l’acquacoltura e sulla sicurezza alimentare? Quali cambiamenti di variabilità del tempo atmosferico abbiamo già visto? Cosa si può aspettare nel lungo periodo?

Che cosa è a rischio
• Quali sono gli impatti specifici dei cambiamenti climatici nel contesto locale? (Fornire esempi di siccità più frequenti, ondate di calore, piogge più intense o tardive, ecc.).
• Quali sono gli impatti specifici sui mezzi di sussistenza delle comunità e sulla sicurezza alimentare?
Fonte: Prioritizing Agriculture Sectors in Climate Change Adaptation, 2016, http://www.fao.org/resources/infographics/infographics-details/en/c/445014/

 

Essere chiari sulla base dei cambiamenti climatici

• I cambiamenti climatici sono reali. C’è un consenso scientifico.
• I cambiamenti climatici stanno già avvenendo.
• Il cambiamenti climatici è così lungo che è sostanzialmente permanente, in termini di vita umana.
• Il cambiamenti climatici comprende sia i cambiamenti che si verificano lentamente (slow-onset) che le variazioni della frequenza e dell’intensità degli eventi estremamente rapidi. Individualmente e in combinazione, influenzeranno luoghi diversi in tempi diversi.
• Le modifiche multiple si stanno verificando contemporaneamente.

Fonte: Brent Simpson, Guardian (2015)

 

Visualizzare i cambiamenti climatici

COME FARLO?
Utilizza materiale visivo e iconografia con riferimento al contesto locale, per rendere chiaro il messaggio.
Idee:
In mancanza di computer, utilizzare la tavola di feltro, disegnare su una grande carta, sulla lavagna o sulla sabbia.

 

Esempio di un’immagine che fornisce una panoramica degli impatti climatici sui settori dell’agricoltura. Fonte: FAO: Lo stato del cibo e dell’agricoltura. Cambiamenti climatici, agricoltura e sicurezza alimentare, 2016: http://www.fao.org/3/a-i6372e.pdf

 

Attenzione al linguaggio

COME FARLO?
La lingua è la chiave: usala bene e migliorerai le tue possibilità di generare interesse. Usa il linguaggio sbagliato e puoi finire per rafforzare le barriere e far allontanare le persone
• Usare, anche approssimativamente, la lingua locale, utilizzando almeno la terminologia locale.
• Illustrare con esempi pratici e casi di studio.
• Utilizzare storie e esempi che il pubblico di destinazione può comprendere e con cui può relazionarsi.

 

 

Dove trovare supporto per il lavoro sul clima?

Cercare opportunità di formazione sui cambiamenti climatici e sugli aspetti della comunicazione da istituzioni locali e nazionali o da fonti online, ad esempio
• Esempio: Corso di E-learning Adattamento comunitario ai cambiamenti climatici www.fao.org/climatechange/67624/
• Ascoltare le presentazioni registrate sui settori dei cambiamenti climatici e dell’agricoltura: www.fao.org/in-action/micca/resources/learning
• Il meccanismo di apprendimento dell’adattamento (ALM)

UN CC: Learn

Le istituzioni locali e regionali, in particolare il personale del progetto connesso al clima, possono anche essere un buon punto focale per sostenere la comunicazione sul clima.
Diverse comunità di scambio in linea possono essere utili per l’apprendimento peer-to-peer e la condivisione. È possibile aderire a alcune delle comunità FAO su questi link:
www.fao.org/in-action/micca/international-fora/join-online-discussions
https://dgroups.org/fao/ag-cc/join
Esempio di una linea temporale e mappatura di eventi importanti relativi alla gestione delle risorse naturali e dei fenomeni meteorologici. L’obiettivo dell’utilizzo del metodo partecipativo è stato quello di collegare eventi passati e presenti. Si tratta di una linea temporale costruita con una comunità nell’Amazzonia. L’uso di icone e codici colore può essere considerato come struttura degli scambi. Fonte: Oscar Guevara, WWF Colombia, 2016.

 

Aumentare l’interesse e la propensione ad adottare nuovi approcci

Una vasta prova aneddotica dal lavoro di CRED con gli agricoltori in Africa ei suoi studi di laboratorio suggeriscono che le persone possono capire meglio le informazioni probabilistiche quando viene presentato ad un gruppo, dove i membri hanno la possibilità di discuterne, piuttosto che come individui che devono cercare di capire da soli“.
– Center for Research and Environmental Decisions (CRED): The psychology of climate change communication (2009).

COME FARLO?
• Concentrarsi sulle soluzioni, non sulle paure.
• Proporre le capacità di recupero creando fonti alternative di reddito e rafforzando quelle esistenti.
• Innovazione: gli agricoltori sono spesso innovatori. Incoraggiare la sperimentazione e la sperimentazione di nuove tecniche agronomiche, magari coltivando specie endemiche.
• Aumentare la consapevolezza dei piccoli agricoltori e delle comunità sull’importanza di anticipare i cambiamenti climatici.
• Sottolineare la necessità di essere pronti ad affrontare sia brevi cambiamenti nella variabilità del tempo che nei cambiamenti climatici a lungo termine e a breve termine: alcune risposte e pratiche possono essere diverse. È probabile che gli agricoltori debbano adottare nuove pratiche e colture in futuro.

Fonte: Online learning event; Guardian; MIT News (2015).

 

Prendiamo in considerazione la stagionalità nella comunicazione: cosa e quando devono sapere gli agricoltori?

 

Approccio olistico

Perché considerarlo?
Le pratiche sostenibili possono contribuire all’adattamento, ma è importante leggere le tendenze del tempo, combinare informazioni dai modelli climatici e quindi progettare opzioni di adattamento specifiche del contesto. Fino ad allora, c’è una grande probabilità di non adattamento e perdita di risorse in corso d’opera.
COME FARLO?
• Considerare l’approccio intelligente sul clima: specifico del contesto, sostenibile, in grado di aumentare la produttività e i mezzi di sussistenza, che tenga conto della capacità di adattamento e della riduzione/rimozione delle emissioni di gas serra.
• Sviluppare orientamenti su misura per gli agricoltori.

Copyright: WWF, ARCA: Develop a Framework Methodology for Rapid Assessment of Climate risks & Adaptive capacity (ARCA).

 

Ripetere e chiarire per un apprendimento più profondo

• Regolare la tua comunicazione e i tuoi messaggi alle nuove informazioni raccolte dagli agricoltori riguardanti gli impatti climatici locali.
• Aiutare gli agricoltori a continuare a scambiare informazioni su ciò che funziona e cosa no, in base alle nuove idee.
• Raccogliere le buone pratiche e condividerle anche con una comunità più ampia per accelerare la loro diffusione.

 

Foto: Esercizio sulle opzioni degli agricoltori per i loro mezzi di sussistenza. Notare i ruoli di genere. Fonte: Walker Institute, 2016.

 

Esempio di immagine degli impatti climatici a una scala orizzontale che può essere adattata alle condizioni locali e ai mezzi di sussistenza. Fonte: http://jonjayray.com/greapr11_files/screenhunter_203-apr-28-19-50.gif

 

Ulteriori suggerimenti per agenti di servizi di consulenza rurale sui processi comunitari

• Guidare gli agricoltori ad osservare i cambiamenti climatici. Aiuto a documentare i risultati.
• Sistemi informativi climatici: cercare di aiutare gli agricoltori ad accedere alle informazioni meteo regolarmente. Osservare se i sistemi di informazione climatica vengono utilizzati e come potrebbero essere migliorati, e comunicare queste informazioni ai fornitori di servizi.
• Garantire l’accesso a nuove informazioni e formazione a tutte le parti interessate, tra cui donne e giovani.
• Sostenere la sperimentazione e la valutazione di nuove opzioni per l’adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici attraverso la conoscenza e l’innovazione di pratiche tradizionali.
• Organizzare e facilitare la pianificazione e lo scambio di conoscenze a livello comunitario o paesaggistico.

 

Esempio di una figura che comunica con toni umoristici le emissioni di gas serra dal paesaggio agricolo da un opuscolo per gli agricoltori finlandesi (http://www.jarki.fi/sites/default/files/isku5/jarki_isku_5_rgb_low.pdf).

 

Punti da considerare nella comunicazione

1. Raccogliere informazioni sul contesto locale. Le risposte devono essere abbinate ai problemi specifici affrontati dagli agricoltori. Integrare le informazioni provenienti da diverse fonti, inclusi i risultati della ricerca, a quello che esprimono gli agricoltori e le comunità.
2. Supportare gli agricoltori nella transizione dal presente alle condizioni future attese, aiutandoli a trovare un equilibrio tra massimizzazione della produttività, riduzione delle vulnerabilità e resilienza. Ricordarsi di spiegare chiaramente i potenziali compromessi.
3. Assicurarsi che gli agricoltori capiscano cos’è una previsione stagionale e guidarli nella riconsiderazione dei loro piani e adeguamenti, se necessario.
4. Aiutare gli agricoltori ad aiutarsi: guidare e incoraggiare gli agricoltori a individuare le soluzioni appropriate e le misure da adottare per adattare queste soluzioni ai propri bisogni.
5. Considerate quali azioni tu (ad esempio come agente di consulenza rurale) potresti assumere per condurre alle soluzioni a lungo termine individuate dagli agricoltori: sono gli agricoltori che prendono decisioni informate, tu sei il facilitatore che crea l’ambiente per prendere queste decisioni.
Fonte: The online community’s discussions, Brent Simpsons, Simone Sala, Bianca Dendena, 2016.

 

Supporto alla comunicazione sui cambiamenti climatici

• Communication for rural development sourcebook (2014): www.fao.org/3/a-i3492e.pdf
• Collaborative change: A Communication framework for climate change adaptation and food security (2010): www.fao.org/docrep/012/i1533e/i1533e00.pdf
• Advancing adaptation through communication for development. Workshop report. (2009): www.fao.org/docrep/012/i1553e/i1553e00.pdf
• Guardian: 12 tools for communicating climate change more effectively (2015): Talk about risk rather than uncertainty, use visuals and tell human stories https://www.theguardian.com/sustainable-business/2015/jul/06/12-tools-for-communicating-climate-change-more-effectively
• Center for Research and Environmental Decisions: The psychology of climate change communication. A guide for scientists, journalists, educators, political aides and the interested public. http://guide.cred.columbia.edu/pdfs/CREDguide_full-res.pdf

 

www.fao.org/3/a-i6408e.pdf

 

Utilizzate il materiale presente in rete

https://www.youtube.com/playlist?list=PLzp5NgJ2-dK7wTr_-SNbSEzBd98a32OZX

 

Audiovisivi:

www.fao.org/climate-change/resources/infographics/infographic-booklets

http://bit.ly/FAO-videos-climate-smart-agriculture

 

Per la divulgazione dei problemi correlate ai cambiamenti climatici:

Preparare le famiglie agricole dei piccoli agricoltori ad adattarsi ai cambiamenti climatici

www.crs.org/our-work-overseas/research-publications/pocket-guide-1-extension-practice-agricultural-adaptation

www.crs.org/our-work-overseas/research-publications/pocket-guide-3-managing-water-resources

 

Adattamento al “nuova norma” dei cambiamenti climatici: il futuro dei servizi di divulgazione e consulenza agricola.

In breve: http://meas.illinois.edu/wp-content/uploads/2015/04/Simpson-Burpee-2014-Climate-Change-and-EAS.-MEAS-Brief.pdf

Lavoro completo: http://meas.illinois.edu/wp-content/uploads/2015/04/Simpson-Burpee-2014-Climate-Change-and- EAS-MEAS-Discussion-Paper.pdf

 

Foto: Gli agricoltori lavorano in diverse stagioni. Risultato di un eserciziosvolto durante un workshop  sulla mappatura delle attività mensili per varie colture. Walker Institute, 2016.

 

Maggiori informazioni

Commenta nel forum online della comunità:
https://dgroups.org/fao/ag-cc/join
Guarda le presentazioni sull’argomento:
www.fao.org/in-action/micca/resources/learning/rural-advisory-services-and-climate
Il lavoro svolto dalla FAO sui settori dell’agricoltura, la sicurezza alimentare e i cambiamenti climatici:
www.fao.org/climate-smart-agriculture

COMMENTI 0   |   Scritto da Horty in:  Senza categoria |